COLOR DATA MATRIX

Lo sviluppo del codice Color Data Matrix è stato effettuato da Sinerlab S.r.l. congiuntamente con Top Finish 2002 S.r.l. nell’ambito di un progetto finanziato dalla Regione Toscana mediante il Bando Unico R&S 2008 - D.R. n. 6744 del 31 dicembre 2008 e s.m.i.

Obiettivo del progetto era quello di mettere a punto un metodo per la tracciabilità dei prodotti e l’anticontraffazione, che potesse essere impiegato nel settore moda, con particolare riferimento alla pelletteria, all’abbigliamento e agli accessori. L’idea alla base del progetto era quella di realizzare un codice che potesse essere utilizzato come vero e proprio “database portatile”, da associare al singolo prodotto per permetterne la tracciabilità, alzando al contempo una barriera tecnologica nei confronti della contraffazione. L’innovazione proposta è legata all’impiego di un matrice di punti, analoga al Data Matrix, ma realizzata con un numero più elevato di colori. A parità di superficie occupata dal codice, ciò amplia le possibili combinazioni, permettendo di veicolare una quantità di informazione ancora maggiore.

Per la messa a punto del codice, tre sono le problematiche da affrontare:

Codifica dell’informazione: per poter utilizzare efficacemente il Color Data Matrix è necessario stabilire delle regole di codifica flessibili, che tengano conto del numero di colori impiegabili, in funzione della tipologia di supporto fisico e della tecnica di scrittura utilizzata, e delle metodologie di correzione impiegate per evitare che la perdita di alcuni punti del codice si traduca in una perdita di informazione.

Scrittura del codice su supporti di varia natura: la scrittura del codice può essere effettuata con tecniche anche molto diverse tra di loro, in funzione del supporto fisico sul quale il Color Data Matrix deve essere impresso e delle dimensioni minime che si vogliono ottenere.

Lettura e decodifica del codice: la fase di lettura e decodifica del codice è fondamentale per definire le potenzialità ed i limiti tecnologici dell’innovazione proposta. Dato infatti un codice Data Matrix di una certa dimensione che impiega un certo numero di colori, la facilità di lettura diventa fondamentale per ottenere applicazioni pratiche di interesse. E’ altresì chiaro che tale facilità di lettura può essere definita in maniera variabile in funzione del valore dell’applicazione stessa.

Intervento cofinanziato POR CReO FESR 2007-2013 Linee 1.5 e 1.6
Top Finish 2002 S.p.A. Viale Kennedy nr. 103 int F - 50038 - Scarperia (FI) Tel. 39 055 843611 - Fax 39 055 8436130 info@topfinish.it P.IVA e C.F: 04949200481